Il mercato degli schiavi da Jean Leon Gerome

Il mercato degli schiavi

(The Slave Market)

Jean Leon Gerome

Realismo  ·  Nudo femminile  ·  I nostri preferiti
Il mercato degli schiavi da Jean Leon Gerome
1871   ·    ·  ID Quadro: 14635
   Aggiungi ai preferiti
0 Recensioni
Il dipinto "The Slave Market" è un dipinto del 1866 del pittore francese Jean-Léon Gérôme, attualmente esposto al Cincinnati Art Museum. Il realismo da assegnare alla scena del mercato mostra un commerciante di schiavi, comprese le merci offerte nell'angolo silenzioso di un mercato. L'oggettività quotidiana dell'espressione pittorica segue la tradizione artistica delle illustrazioni reali, con una mano di connotazione politica nascosta. Cosa si può vedere nella foto?

Nell'angolo di un mercato di schiavi, un commerciante si siede nel grande otturatore del suo negozio, che occupa quasi un terzo della superficie totale dell'immagine. Il centro di questa apertura quadrata, che scorre all'indietro nel buio, è un uomo di mezza età, vestito con abiti beduini. Il suo gesto disinvolto è sottolineato da un bracciolo di legno nella finestra, da cui una parte del suo mantello bianco pende liberamente. L'uomo indossa un turbante e sembra fumare una pipa di narghilè e in parte rilassarsi lungo il vicolo o il sentiero di sabbia. Seguendo questo percorso e il suo sguardo, due dei suoi schiavi sono appoggiati al muro di fango della semplice casa. Di nuovo quattro dei suoi schiavi, un giovane uomo di colore e altre tre donne, sono seduti e in parte seduti sotto la sua finestra o in piedi accanto a loro. Ogni figura mostrata mostra una postura diversa con la propria espressione. Il punto vendita del rivenditore è delimitato da semplici mattoni fragili, nel corso dei quali c'è anche una lava rotonda o pietra da campo. Gli schiavi erano posizionati dietro la linea di pietra su un brillante tappeto blu persiano luccicante e blu chiaro con frange. La casa dello schiavista sembra vecchia e sbrindellata, ma non ridotta. Piuttosto, la polvere sul legno adiacente travi di sostegno e telaio forma un pezzo poco appariscente, a malapena assegnabile, che appare nel suo corso verso l'attico verso sempre più pulito. Rispetto ad un segmento di mercato a destra, nella luce, è evidente che questa è una seconda classe, che il commerciante di schiavi cerca con abilità di doppiare con il suo aspetto casuale.

Per assegnare l'orientalismo, la scena si riferisce all'area del Medio Oriente. Il nocciolo della trama forma le figure, che vengono offerte a basso costo in un ambiente ambiguo dall'aspetto esotico. Sullo sfondo dello schiavista c'è una credenza decorata con un pappagallo seduto sopra. Le figure, in parte nude o seminude presentate alla vendita o allo spettatore, corrispondono a idee di fantasia sessuata sostenute da considerazioni politiche. Così si diventa immediatamente consapevoli della donna completamente nuda sul lato sinistro che offre il suo corpo in una posa erotica. Che questa donna, con i suoi capelli neri fluenti e la raffinata gioielleria del polso e del piede, simile a uno zingaro, possa essere una coincidenza. In considerazione di ciò, tuttavia, l'immagine appare ancora più confusa quando si guarda la donna seminuda di lato destro in piedi accanto a un bambino in braccio come la Vergine Maria. La sua cappa e il tessuto a filigrana disegnati a metà strada sopra la sua testa e la sua intera postura ricordano almeno in parte questa rappresentazione medievale della Madre di Dio, tanto più che il suo sguardo è diretto anche verso il cielo. Sotto queste figure in piedi, altri schiavi sono seduti in modi diversi. Prima c'è una donna accucciata lì, a sinistra e completamente coperta come se volesse nascondersi. Non ci sarebbe molto da dire su di lei se non ci fossero quei tatuaggi sul braccio, simboli simili all'henné che supportano le sue origini persiane o nord-indiane. Accanto a lei siede un uomo nero come il carbone con accattivanti accessori per capelli e unghie unte e appuntite. Secondo i gioielli, è ovvio che proviene da una tribù del deserto. La sua postura appare cupa e persa, rivolta lontano dallo spettatore. Altri due schiavi arricchiscono la scena, da una parte i piedi si stendono addormentati e accusano l'osservatore e l'accattonaggio con una ciotola ai suoi piedi.

Nel contesto, l'immagine "The Slave Market" ha una profondità nei dettagli. L'espressione di ogni singola figura è diversa nel comportamento e nella sua espressione. La rassegnazione, l'indifferenza e l'esagerazione della rappresentazione e del culto sono espressi nella foto così come l'effetto contrastante della sede complessiva. Il vero messaggio dietro l'immagine è quindi dietro la facciata esterna, a cui l'osservatore diventa consapevole in dettaglio solo quando guarda da vicino e si esprime sotto forma di malattia sociale. © Meisterdrucke
Il mercato degli schiavi da Jean Leon Gerome

Il mercato degli schiavi

(The Slave Market)

Jean Leon Gerome

Realismo  ·  Nudo femminile  ·  I nostri preferiti
Il mercato degli schiavi da Jean Leon Gerome
1871   ·    ·  ID Quadro: 14635
   Aggiungi ai preferiti
0 Recensioni
Il dipinto "The Slave Market" è un dipinto del 1866 del pittore francese Jean-Léon Gérôme, attualmente esposto al Cincinnati Art Museum. Il realismo da assegnare alla scena del mercato mostra un commerciante di schiavi, comprese le merci offerte nell'angolo silenzioso di un mercato. L'oggettività quotidiana dell'espressione pittorica segue la tradizione artistica delle illustrazioni reali, con una mano di connotazione politica nascosta. Cosa si può vedere nella foto?

Nell'angolo di un mercato di schiavi, un commerciante si siede nel grande otturatore del suo negozio, che occupa quasi un terzo della superficie totale dell'immagine. Il centro di questa apertura quadrata, che scorre all'indietro nel buio, è un uomo di mezza età, vestito con abiti beduini. Il suo gesto disinvolto è sottolineato da un bracciolo di legno nella finestra, da cui una parte del suo mantello bianco pende liberamente. L'uomo indossa un turbante e sembra fumare una pipa di narghilè e in parte rilassarsi lungo il vicolo o il sentiero di sabbia. Seguendo questo percorso e il suo sguardo, due dei suoi schiavi sono appoggiati al muro di fango della semplice casa. Di nuovo quattro dei suoi schiavi, un giovane uomo di colore e altre tre donne, sono seduti e in parte seduti sotto la sua finestra o in piedi accanto a loro. Ogni figura mostrata mostra una postura diversa con la propria espressione. Il punto vendita del rivenditore è delimitato da semplici mattoni fragili, nel corso dei quali c'è anche una lava rotonda o pietra da campo. Gli schiavi erano posizionati dietro la linea di pietra su un brillante tappeto blu persiano luccicante e blu chiaro con frange. La casa dello schiavista sembra vecchia e sbrindellata, ma non ridotta. Piuttosto, la polvere sul legno adiacente travi di sostegno e telaio forma un pezzo poco appariscente, a malapena assegnabile, che appare nel suo corso verso l'attico verso sempre più pulito. Rispetto ad un segmento di mercato a destra, nella luce, è evidente che questa è una seconda classe, che il commerciante di schiavi cerca con abilità di doppiare con il suo aspetto casuale.

Per assegnare l'orientalismo, la scena si riferisce all'area del Medio Oriente. Il nocciolo della trama forma le figure, che vengono offerte a basso costo in un ambiente ambiguo dall'aspetto esotico. Sullo sfondo dello schiavista c'è una credenza decorata con un pappagallo seduto sopra. Le figure, in parte nude o seminude presentate alla vendita o allo spettatore, corrispondono a idee di fantasia sessuata sostenute da considerazioni politiche. Così si diventa immediatamente consapevoli della donna completamente nuda sul lato sinistro che offre il suo corpo in una posa erotica. Che questa donna, con i suoi capelli neri fluenti e la raffinata gioielleria del polso e del piede, simile a uno zingaro, possa essere una coincidenza. In considerazione di ciò, tuttavia, l'immagine appare ancora più confusa quando si guarda la donna seminuda di lato destro in piedi accanto a un bambino in braccio come la Vergine Maria. La sua cappa e il tessuto a filigrana disegnati a metà strada sopra la sua testa e la sua intera postura ricordano almeno in parte questa rappresentazione medievale della Madre di Dio, tanto più che il suo sguardo è diretto anche verso il cielo. Sotto queste figure in piedi, altri schiavi sono seduti in modi diversi. Prima c'è una donna accucciata lì, a sinistra e completamente coperta come se volesse nascondersi. Non ci sarebbe molto da dire su di lei se non ci fossero quei tatuaggi sul braccio, simboli simili all'henné che supportano le sue origini persiane o nord-indiane. Accanto a lei siede un uomo nero come il carbone con accattivanti accessori per capelli e unghie unte e appuntite. Secondo i gioielli, è ovvio che proviene da una tribù del deserto. La sua postura appare cupa e persa, rivolta lontano dallo spettatore. Altri due schiavi arricchiscono la scena, da una parte i piedi si stendono addormentati e accusano l'osservatore e l'accattonaggio con una ciotola ai suoi piedi.

Nel contesto, l'immagine "The Slave Market" ha una profondità nei dettagli. L'espressione di ogni singola figura è diversa nel comportamento e nella sua espressione. La rassegnazione, l'indifferenza e l'esagerazione della rappresentazione e del culto sono espressi nella foto così come l'effetto contrastante della sede complessiva. Il vero messaggio dietro l'immagine è quindi dietro la facciata esterna, a cui l'osservatore diventa consapevole in dettaglio solo quando guarda da vicino e si esprime sotto forma di malattia sociale. © Meisterdrucke
Mockup 1 Mockup 2 Mockup 3 Mockup 5 Mockup 6 Mockup 7


Configura la stampa



 Salva / confronta configurazione

Gemälde
Veredelung
Keilrahmen
Museumslizenz

(inkl. 20% MwSt)

Produktionszeit: 2-4 Werktage
Bildschärfe: PERFEKT
Altre stampe d'arte di Jean Leon Gerome
Il Prigioniero, 1861 Il mercato degli schiavi Nel deserto Il bagno Il mercato degli schiavi a Roma, c1883-c1884 The Duel After the Masquerade Ave Cesare! Morituri te salutant (Ave Cesare! Noi che stiamo per morire ti saluto), 1859 Preghiera nella moschea Fellah Women Drawing Water, ca. 1873 -75 The Caravan Diogene, 1860 (olio su lino) La morte di Cesare Pool in a Harem Golgota Pigmalione e Galatea, c. 1890
Altre stampe d'arte di Jean Leon Gerome
Il Prigioniero, 1861 Il mercato degli schiavi Nel deserto Il bagno Il mercato degli schiavi a Roma, c1883-c1884 The Duel After the Masquerade Ave Cesare! Morituri te salutant (Ave Cesare! Noi che stiamo per morire ti saluto), 1859 Preghiera nella moschea Fellah Women Drawing Water, ca. 1873 -75 The Caravan Diogene, 1860 (olio su lino) La morte di Cesare Pool in a Harem Golgota Pigmalione e Galatea, c. 1890
Altri motivi della categoria Nudo femminile
Una donna nuda sdraiata sul letto le mostra la schiena, 1850 (dagherrotipo stereoscopico colorato a mano) Marte e Venere Sorpresi da Vulcano Sposa di Galilea, 1989 (acrilico su tela) Giovane donna seduta in una foresta, 1890 Venere al suo bagno Studio - Recling Female Nude, 1905 (gesso su carta) Donne che bagnano Sculptural Female Nude, 1912 (carbone su carta) Nudo Una ninfa dormiente, 1850 Il Levee Modella nuda francese La fonte Nudo disteso (pannello) Ligeia Siren, 1873 (gesso colorato su carta)
Altri motivi della categoria Nudo femminile
Una donna nuda sdraiata sul letto le mostra la schiena, 1850 (dagherrotipo stereoscopico colorato a mano) Marte e Venere Sorpresi da Vulcano Sposa di Galilea, 1989 (acrilico su tela) Giovane donna seduta in una foresta, 1890 Venere al suo bagno Studio - Recling Female Nude, 1905 (gesso su carta) Donne che bagnano Sculptural Female Nude, 1912 (carbone su carta) Nudo Una ninfa dormiente, 1850 Il Levee Modella nuda francese La fonte Nudo disteso (pannello) Ligeia Siren, 1873 (gesso colorato su carta)
Estratto dai nostri rivenditori più venduti
Kumoi-Zakura (Kumoi ciliegi alberi) Malinconia III. 1902 Pescatori in mare La Senna a Samois Intersecting Lines, 1923 Ancora scivola sul torrente, e per sempre scivolerà Autunno sulla Senna, Argenteuil Coppia a letto, 1915 The Garden of Earthly Delights Pannello centrale, c. 1500 Autoritratto, sbadigliando Donna ebrea di Tangeri Uno della famiglia Boulevard Montmartre Charles Baudelaire 1821-1867 Il diluvio
Estratto dai nostri rivenditori più venduti
Kumoi-Zakura (Kumoi ciliegi alberi) Malinconia III. 1902 Pescatori in mare La Senna a Samois Intersecting Lines, 1923 Ancora scivola sul torrente, e per sempre scivolerà Autunno sulla Senna, Argenteuil Coppia a letto, 1915 The Garden of Earthly Delights Pannello centrale, c. 1500 Autoritratto, sbadigliando Donna ebrea di Tangeri Uno della famiglia Boulevard Montmartre Charles Baudelaire 1821-1867 Il diluvio

Partner Logos

Kunsthistorisches Museum Wien      Kaiser Franz Joseph      Albertina

Meisterdrucke Logo long
Hausergasse 25 · 9500 Villach, Austria
+43 4242 25574 · office@meisterdrucke.com
Partner Logos

               

Der Sklavenmarkt (AT) Der Sklavenmarkt (DE) Der Sklavenmarkt (CH) The Slave Market (GB) The Slave Market (US) Le marché des esclaves (FR) De slavenmarkt (NL) El mercado de esclavos (ES) Рабский рынок (RU) दास बाजार (HI) 奴隶市场 (ZH) O mercado de escravos (PT) 奴隷市場 (JP) سوق الرقيق (AE)


(c) 2020 meisterdrucke.it